Lo sapevate che un numero osceno di beni digitali si perde nel mondo della crittografia quando i detentori di quelle monete passano?

Secondo una ricerca di Chainalysis del 2017, circa il 25% dei bitcoin non può essere recuperato dopo la morte dei detentori. Il fatto che BTC sia sull’orlo di una fase parabolica, e con solo 2,5 milioni e mezzo di bitcoin rimasti da estrarre, è scioccante avere una percentuale così alta di monete digitali che scompaiono in questo modo. Allora, cosa possiamo fare per queste statistiche inquietanti?

Per un po‘ di tempo, il criptoverse era stato intensamente associato a Millennials (Gen Y) e alla vecchia coorte di Generazione Z. Ciò significa che, per una generazione così notevolmente giovane, non è stato fatto alcuno sforzo per rendere conto della successione dei loro beni digitali dal momento che il loro momento della loro scomparsa non è mai stato proiettato in tempi brevi. Ma poi, da quando i vantaggi delle crittocurrenze hanno preso piede, i più anziani (Gen X) come Elon Musk, un miliardario, un rinomato ingegnere e un imprenditore, hanno mostrato pubblicamente il loro amore per le crittocurrenze.

Per una popolazione così diversificata, i fattori che contribuiscono a un’elevata aspettativa di vita sono difficili da monitorare. Non è ora che la comunità dei crittografi prenda in considerazione alternative più sicure per garantire che qualcuno sia in successione ad ereditare le proprie monete?

Tuttavia, prima di esaminare come si possono assicurare i fondi cripto anche dopo la morte, vediamo cosa si può fare quando si è ancora vivi.
Attuali meccanismi di sicurezza del portafoglio digitale

Mai sentito parlare di „Non le tue chiavi, non le tue monete“? È una frase comune che sottolinea il significato delle chiavi private. Nel caso non lo sapeste, i portafogli normalmente gestiscono le vostre chiavi pubbliche, ma pochissimi vi daranno il pieno controllo delle chiavi private per quelle monete. In ogni caso, ecco alcune indicazioni che potete annotare per mettere al sicuro il contenuto del vostro portafoglio.

Evitare il WiFi pubblico

Gli utenti dovrebbero astenersi dall’utilizzare il WiFi pubblico perché le connessioni sono soggette a cyber-attacchi. Mascherare invece ogni attività Internet con una VPN appropriata.

Portafogli freddi

I dispositivi hardware sono considerati la migliore opzione per conservare le vostre chiavi private, a differenza dei portafogli a caldo, che si basano su internet per funzionare.

Aprire più conti

Gli utenti possono creare più conti che possono proteggere le loro transazioni di portafoglio criptato da qualsiasi forma di minaccia. La cosa buona dei portafogli crittografati è che non c’è un numero limitato di conti che si possono creare.

Le sfide degli strumenti di gestione dei beni digitali
Il costo dell’amministrazione

Occasionalmente, i servizi di gestione criptata dei fornitori di asset possono essere costosi per la maggior parte degli utenti. Nonostante le remunerative ricompense, l’implementazione di una costosa strategia di gestione patrimoniale può essere faticosa nel lungo periodo. In questo caso, gli utenti dovrebbero DYOR per la migliore piattaforma con le giuste caratteristiche che si adattano alle loro esigenze.

Monitoraggio dei livelli di usabilità

Il numero di beni di cui si è proprietari può essere molteplice, rendendo difficile la gestione e la tracciabilità di ciascun bene. Senza una piattaforma diversificata per monitorare e aggiornare gli standard di usabilità dei beni, le monete possono finire nel posto sbagliato o nelle mani sbagliate.

Requisiti dei metadati

Le funzionalità dei metadati consentono al provider di accedere facilmente a tutti gli asset elencati sulla piattaforma. Pertanto un sistema di gestione digitale degli asset dovrebbe essere organizzato in modo sistematico, raggruppando gli asset in parole chiave facili da trovare. Se non si prendono in considerazione i metadati, sarà difficile localizzare i propri asset, poiché queste informazioni sono di solito sepolte in migliaia di file.

La domanda sulla proprietà

Un sistema pratico di gestione patrimoniale ha bisogno di qualcuno che possa supervisionare l’intero sistema. Operare su un sistema che passa attraverso un proprietario assicura che il protocollo di gestione degli asset sia conveniente per ogni utente. Tuttavia, gli utenti si astengono da questa responsabilità in quanto necessita di procedure sofisticate per il monitoraggio e la gestione.
Come le varie istituzioni di Crypto implementano la sicurezza

Gemelli

Questa è una delle poche piattaforme che proteggono i fondi del trader conservando i fondi in un cold wallet offline. La cosa più importante è che Gemini prospera nell’aderire a tutte le linee guida stabilite dalle autorità di regolamentazione. La conformità di Gemini alle regole del crypto watchdog li mette in prima linea come uno degli scambi credibili per accendere l’adozione mainstream delle valute crittografiche.
Voyager

Voyager è anche un’altra piattaforma di scambio che mette al sicuro i suoi utenti dalle frodi e mantiene le risorse digitali offline. La piattaforma è conforme a tutti i processi governativi che garantiscono la sicurezza delle informazioni personali degli utenti.

Celsius

Celsius adotta la funzione Conosci il tuo cliente, che risolve le questioni relative al riciclaggio di denaro e ai reati finanziari. Lo scambio funziona di pari passo con Onfido, un’importante società che elabora le informazioni di KYC. Tra i documenti necessari per KYC, le verifiche includono un documento d’identità nazionale, una patente di guida o un passaporto valido.

Coinbase

Nonostante le recenti discrepanze, Coinbase è stata considerata una delle piattaforme di scambio criptato più sicure. La borsa memorizza una quantità significativa di fondi degli investitori offline – lontano da internet

Categories: Bitcoin

Comments are Closed on this Post